[RECENSIONE] Mutant Year Zero: Road to Eden (PS4)

Follow
8

Ottimo

Simpatici maiali e anatre antropomorfi, uccidono e mangiano le persone, un sistema di combattimento a turni con elementi complessi di stealth e gestione dell’ambiente.

Basato su un gioco di ruolo da tavolo che ha oltre trent’anni, Mutant Year Zero: Road to Eden segue la storia di mutanti in un deserto post-apocalittico popolato da animali mutati, esseri umani, e personaggi provenienti dalle guerre che l’hanno preceduti. Combinando l’esplorazione Open World, un sistema di livellamento,tattiche e gli altri aspetti sopra citati, Mutant è un gioco che richiede di pensare, il più delle volte.

I personaggi che controlli sono Stalker, mutanti che si avventurano fuori da un paradiso sicuro noto come l’Arca. È compito loro cercare nella Zona di rottamare e neutralizzare tutti i nemici che potrebbero minacciare l’Arca. È da questa formula che si sviluppa naturalmente una storia, e i tuoi personaggi intraprendono un lungo viaggio per salvare l’Arca dalla potenziale distruzione, e scoprire da dove provengono i mutanti.

Con questo approccio, il gameplay ha la priorità su tutto il resto. Sì, la storia è presente, con scenari ed obiettivi, ma ciò che è bello è che offre una componente stealth a tutto tondo. Questo approccio ha il suo lato negativo, naturalmente, ma ci arriveremo più tardi.

L’aspetto che apprezzo di più in Mutant è che ti fa imparare la meccanica di gioco e come funziona. Il giocatore impara a organizzare le varie abilità e mutazioni dei membri del party fino al punto in cui le tattiche giocheranno a loro favore. Hai un carro armato che vuoi ammassare e fare molti danni? Fornisci loro un’abilità che consente loro di mangiare i cadaveri per ottenere salute.

Il combattimento in questo gioco è a turni, con personaggi che si muovono in quadrati. Questa potrebbe essere una componente nuova, in quanto è un cambiamento al solito approccio dei giochi contemporanei open-world. Fin dall’inizio, il gioco imposta il giocatore contro i nemici di livello superiore e li lancia immediatamente nella mischia. A volte la mossa risulta vincente, a volte no. È in questi fallimenti che il combattimento brilla. Il più delle volte il giocatore può trovare il proprio modo di attaccare e smantellare un gruppo nemico. A volte è attraverso ripetute prove ed errori, altri in un solo colpo. Ho scoperto che alcune volte durante questi ipotetici scenari di combattimento logico, la forza bruta era una necessità.

Mutant Year Zero: Road to Eden gameplay

I nemici in questo gioco sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, da combattenti organici e bruti, a sensitivi e robot. Esistono molti modi per eliminarli, ma in alcune situazioni specifiche, solo uno o due modi funzioneranno. C’era un caso nel gioco in cui dovevo eliminare più nemici di alto livello, alcuni dei quali avevano pattuglie, altri erano fermi. Ho provato più approcci, dall’allestire i miei personaggi in edifici separati che si affacciano sui nemici, per raggrupparli insieme. Ciò che seguì fu un disastroso e esilarante sconfitta in cui tutti i miei personaggi morirono o diventarono controllati mentalmente. A volte la mia squadra ha eliminato la maggior parte dei nemici, a volte siamo stati spazzati via in due minuti. Alla fine ho trovato un modo per sopraffare la situazione, ma era in un modo non tanto tattico quanto i miei precedenti approcci. La mia squadra era allo scoperto, in una zona di fuoco libero o dietro una scarsa copertura, ma ha funzionato.

Ad accompagnare questo è un ingegnoso sistema di perfezionamento e aggiornamento per pistole e statistiche, in cui i giocatori vanno all’Arca per acquistare con scarti o artefatti del vecchio mondo. Le armi in questo gioco sono molto variate ed è essenziale equipaggiare i personaggi giusti con le pistole e le granate giuste per provocare maggior danno ai nemici. Di solito, ci sono un certo numero di armi con quantità elevate, e mi sono ritrovato a cambiare spesso personaggi che equipaggiava quelle armi specifiche.

Un vantaggio che viene molto apprezzato in questo titolo è il fatto che il mondo può essere esplorato in lungo e in largo per poter trovare diversi materieli, utili per il migliormento di armi, kit medici e molto altro.

Come ho detto prima, il gioco spiega la storia. Questo è il caso della costruzione mondiale di Mutant Year Zero. Note, artefatti, presentazione visiva, e la scrittura e le esibizioni dei personaggi portano in vita il mondo in modo affascinante. Questo, combinato con la grinta delle persone che abitano nella Zona, conferiscono un tono unico al gioco. Ma poiché il gioco ha raggiunto la sua fine (prima di quanto mi aspettassi, tra l’altro), non ho potuto fare a meno di pensare che il gioco mancasse di una conclusione adeguata. Il gioco finisce mentre i personaggi apprendono la verità del mondo.

Mutant Year Zero: Road to Eden racchiude combattimenti interessanti, esplorazione e conoscenza del mondo aperto, e numerosi sistemi che rendono partecipe il giocatore, ma ha una durata troppo breve per permettere di avere un ricordo duraturo nel giocatore.

Good

  • Gameplay
  • Mappa di gioco
  • Alta quantità di armi

Bad

  • Storia troppo breve
8

Ottimo

Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.