[Recensione] Klimt & Schiele. Eros e Psiche

Follow
8.7

Ottimo

La storia, gli scandali, i sogni e le ossessioni della Vienna dell’Epoca d’oro sono narrati attraverso le opere dei suoi due artisti più iconici in Klimt & Schiele – Eros e Psiche.

1918. Mentre i boati della prima guerra mondiale si vanno spegnendo, a Vienna, nel cuore della Mitteleuropa, un’epoca dorata è ormai al tramonto. Questo straordinario film evento guida lo spettatore tra lei sale dell’Albertina, del Belvedere, del Kunsthistorisches Museum, del Leopold Museum, ripercorrendo un periodo straordinario: un momento magico per arte, letteratura e musica, in cui circolano nuove idee, si scoprono con Freud i moti della psiche e le donne cominciano a rivendicare la loro indipendenza

I figli uccidono i padri

I figli desiderano uccidere i propri padri per sostituirsi a loro: Freud descrive così la Sindrome di Edipo, una sindrome che sembra rappresentare l’arte del 1918. Gli artisti, infatti, smettono di seguire gli esempi del passato, dando vita a una nuova forma d’arte che ne rispecchi lo stato di solitudine e incertezza.

Il film evento Klimt & Schiele – Eros e Psiche ripercorre questa catena di eventi, analizzando il loro impatto sulla musica, sulla letteratura e sui dipinti, trasportando lo spettatore in un viaggio a 360 gradi nella mente dei due artisti viennesi. Ogni aspetto della loro vita viene affrontato brevemente, istruendo il pubblico senza mai annoiarlo, attraverso un confronto diretto con le opere.

Klimt

Vienna tra passato e presente

Dai Caffè, che rappresentano una vera e propria istituzione, alle sale da ballo, Vienna viene mostrata attraverso un confronto tra le passioni del passato e del presente, tra l’epoca di Klimt & Schiele e quella odierna, palesando le forti analogie tra i due periodi storici. 

Analogie che derivano dalla presenza nelle due società della medesima tipologia di individuo: l’uomo moderno, diviso tra ciò che è razionale e ciò che non lo è, capace di analizzare se stesso grazie alla nascente psicanalisi e alla costante ricerca di un proprio posto nel mondo. Questa indagine psicologica è celata nelle opere di Schiele, che affrontano, grazie alla nudità dei soggetti ritratti, il difficile legame con la sessualità e l’incapacità di essere veramente compresi dai propri simili o dalle persone amate.

Il documentario presenta anche la nascita della donna moderna, protagonista indiscussa delle opere di Klimt: indipendente e conscia dei propri desideri, cerca lo sguardo dell’osservatore invece di vergognarsene. Il viaggio nella evoluzione della figura femminile è affrontato anche grazie a storie di fotografe e stiliste, alcune delle quali presenti nei ritratti dell’artista.

Contenuti extra

Oltre al film evento, la cui durata è di 90 minuti, il cofanetto presenta come contenuti extra:

  • Trailer
  • Backstage
  • Galleria fotografica
  • Teaser
8.7

Ottimo

Present Physicist, Future Nobel Prize. Nerd. Hopeless Fangirl. Gamer. Unapologetically Shipper. Booklover and Proud. Trying to construct my own T.A.R.D.I.S. and travel with the Doctor.
Average User Rating
0
0 votes
Rate
Submit
Your Rating
0