[RECENSIONE Spoiler] Avengers: Endgame

Follow Pre-ordina qui
9

Meraviglioso

Il 24 Aprile, dopo la maratona di Avengers: Endgame, abbiamo pubblicato la recensione del film senza spoiler. In questo articolo abbiamo intenzione di parlarvene in maniera più approfondita, con riferimenti alla trama della storia, ai personaggi, a quello che è successo e a ciò che forse ci aspetterà.
Quindi se non avete ancora visto il film, vi abbiamo avvisati, ciò che leggerete saranno spoiler!

Sebbene Endgame non sia l’ultimo film della Fase 3 dell’Universo cinematografico Marvel, chiude un ciclo durato 11 anni.
Tutto cominciato con Iron Man fino ad arrivare a Avengers Infinity War, che ci ha lasciati con una situazione tragica e una conclusione shockante.

Il film è la “seconda parte” di Infinity War, terminato con metà della popolazione dell’universo ridotta in cenere. Nonostante ciò, Endgame è come se fosse stato a sua volta diviso in due tempi: la prima parte mostra il lutto degli eroi e la ricerca delle gemme, la seconda la battaglia finale.

A QUALUNQUE COSTO.

Infinity War ci ha lasciati con Thanos che ha raccolto tutte le gemme, schioccato le dita e ridotto metà dell’universo in polvere. Endgame si apre mostrando uno degli eroi assenti nella precedente parte, ovvero Occhi di Falco e successivamente Antman. Quello che vedremo nel corso del film è:
la ricerca di Thanos, la ricerca delle gemme, viaggi nel tempo, nuovi aspetti dei nostri eroi, l’addio di alcuni di loro…
Tutto questo racchiuso in un film di 3 ore, dove la prima parte è, per forza di cose, più lenta della seconda, ma l’ho apprezzata lo stesso, perché ci aiuta a capire molte cose.
I nostri Avengers dovranno prendere tante scelte dolorose: andare avanti o cercare di rimediare? Sacrificarsi o vivere con la famiglia costruita negli anni? Tornare dagli amici o vivere l’unico amore della vita?

TRA RISATE E LACRIME.

Come detto sopra, Avengers: Endgame può essere considerato come un film diviso in due parti. I fratelli Russo hanno concentrato nella prima parte le battutine, oramai tipiche dei film della MCU, e le gag, accompagnate da un’evidente sconforto per le perdite. Rendendo il clima più “easy”, ma esagerando con la “stupidità” di alcuni personaggi. Un esempio è Doc. Hulk, ovvero un Hulk che mantiene il cervello di Bruce Banner, con un grande potenziale, ma che risulta inutile, se non per lo schiocco delle dita.

Ci sono, però, molte scene carine, che i fan della Marvel hanno amato e forse aspettavano, come il combattimento tra i due Capitan America. O ancora quando Steve Rogers sussurra all’orecchio “Hail Hydra”, invece di azzuffarsi nell’ascensore.

E poi ci sono loro, le lacrime. Inevitabile sentirsi tristi, non solo per la conclusione di un’epoca cinematografica, ma per l’addio che siamo costretti a dare ad alcuni degli eroi. Eroi che abbiamo imparato ad amare ed ad apprezzare negli anni, con cui siamo anche cresciuti.

La battaglia finale, epica sotto ogni aspetto, è ciò che caratterizza la seconda parte del film. Sono tutti lì, i personaggi incontrati in questi 11 anni di film, comprese le piccole comparse, sono lì a combattere. Tutto acquista un significato, i pezzi del puzzle vanno al proprio posto e il ciclo si conclude.

Iron Man Endgame

TONY STARK

Che il grande Tony sarebbe uscito di scena si sapeva, dato che l’attore Robert Downey Jr. aveva deciso di abbandonare il personaggio. Allora qual è il modo migliore di farlo uscire di scena, se non facendolo morire da eroe!?! Salva il mondo, salva la sua famiglia. Tutto è cominciato con lui, con il primo film di Iron Man e ho trovato perfetto, anche se triste, finire la saga così.

Il suo carattere non cambia mai, ma in fondo è ciò che si ama di questo personaggio, ma anche lui ha un cuore e lo dimostra in due occasioni.
La prima quando incontra il padre durante il viaggio nel passato e il loro dialogo, sebbene troppo dolce per Tony, fa sciogliere i nostri cuori.
La seconda è quando, dopo lo schiocco di Hulk, il nostro Spider-Man di quartiere ritorna in vita, l’abbraccio fra i due è stata una delle mie scene preferite.

Capitan America Endgame

CAPITAN AMERICA

Cosa dire del “sedere più bello d’America”? Come Tony Stark, anche Steve Rogers ci mancherà tantissimo. Anche di lui era prevista un’uscita di scena e anche nel suo caso i fratelli Russo hanno saputo giocare molto bene le loro carte. Finalmente dopo anni passati a combattere, Capitan America ha potuto appendere lo scudo al chiodo (anzi passarlo a Sam) e vivere la vita con Peggy.
In Endgame il nostro capitano, anche se all’inizio sembra sconfitto, passando il titolo da leader a Vedova Nera, regala ai fan grandi soddisfazioni. Come quando impugna il Mjolnir o quando grida Avengers, Uniti!
Chissà se un domani ci delizieranno con un film della vita di Capitan America insieme all’agente Carter, un volta tornato indietro nel tempo.

Vedova nera endgame

VEDOVA NERA

Natasha, altro personaggio a cui abbiamo dovuto dire addio, è stato uno dei personaggi più forti in Endgame. Con un forte senso di responsabilità nei confronti del mondo, continua a mandare avanti gli Avengers anche dopo il primo schiocco di Thanos. E il suo lato più debole, quello che piange davanti alle difficoltà e alla solitudine, non dispiace, perché dimostra che è cresciuta e non è più una spia senza sentimenti.
A mio avviso, una delle eroine migliori priva di potere o super forza, che ha saputo farsi valere fino alla fine. Il suo sacrificio è servito a salvare la famiglia, non quella di sangue, ma quella che si è costruita negli anni fatta di compagni e amici.
Un personaggio che mancherà, ma non temete, è previsto un film dedicato a lei.

Avengers Girl power

CAPITAN MARVEL E IL GIRL POWER

Capitan Marvel, proprio come ho detto nella recensione senza spoiler, è poco presente in Endgame. Con il motivo che la Terra non è l’unico pianeta nell’universo che ha bisogno di aiuto, appare poche volte, anche se bastano a salvarci.
Mi aspettavo una maggiore esibizione della sua potenza, dato che, ricordiamocelo, ha la potenza di una gemma dell’infinito, quella dello spazio. Invece è ridotta ad una breve comparsa e nella battaglia finale l’azione più eclatante è la distruzione della nave di Thanos.

Riguardo al Girl Power, momento in cui tutte le eroine arrivano in aiuto di una Scarlet Witch in modalità Beast On, ho sentito molti commenti a riguardo. Tra cui: è una scelta per compiacere la fetta di pubblico femminista, è una scena troppo forzata, è una scena troppo finta. Ma la verità è che sembra forzata, perché lo è.
Ed ha avuto il suo effetto, ovvero gasare, anche se è durata pochissimo.

Thor Endgame

THOR & HULK

Il personaggio che ci ha sorpreso di più è proprio Thor, con il suo cambio di look e di fisico. Un Thor panzone di certo è piaciuto alla maggior parte del pubblico maschile, anche se è stato un colpo al cuore per noi donne.
Apparenza fisica a parte, il suo personaggio in Endgame non mi ha convinta molto. Farlo apparire trasandato era un modo per celare il suo dolore, e la sua sofferenza, ma anche nei momenti più clue ritornano le gag, che non fanno ridere.
Certo, va contro un’immagine stereotipata di supereroe perfetto sotto ogni aspetto, e ci sta. Ma non riesco a digerire le troppe battutine anche in momenti “delicati”.

Hulk è un altro personaggio, in Endgame, come detto sopra, che non mi è piaciuto. Abbiamo una nuova versione del personaggio, una fusione tra l’intelligenza di Bruce Banner e la forza di Hulk. Il problema non è questo salto di qualità, ma, come per Thor, le gag di troppo a cui siamo costretti ad assistere.

COSA CI ASPETTA?

Avengers: Endgame ha regalato tante emozioni! Dopo 10 anni dal primo film, dopo 21 film, un’attesa di un anno dall’uscita di Infinity war e dopo la sua nota e sconvolgente conclusione, i feels erano davvero tanti.

Diventate una caratteristica della serie, in Endgame non mancano le battute, anche se in quantità minore rispetto agli altri film e a dispetto del clima più cupo. In alcune parti è forse però un po’ troppo accentuata e alcuni atteggiamenti “comici” di alcuni personaggi possono infastidire.

Durante la visione del film viene più volte voglia di applaudire per le scelte e per i colpi di scene, così come ho avuto modo di assistere in sala. Le emozioni erano tante e non ci sono state solo risate, anzi, ci si commuove, si sta costantemente in tensione, non riuscendo a stare fermi e seduti sulla poltrona.

Vi possiamo assicurare che usciti dalla sala, alla fine del film, sentirete un’irrefrenabile desiderio di andarlo a guardare ancora una volta. E noi, come molti di voi, non vediamo l’ora di poterne parlare in modo più libero.
Per di più il finale apre nuove porte, nuovi universi, nuove avventure che verranno affrontate in futuro, perché la Marvel è tutto, tranne che un mondo piccolo.

P.S. Se stavate pensando di dover rimanere, anche questa volta, incollati allo schermo fino alla fine dei titoli di coda, non fatelo. Questa volta la MCU non ci ha deliziati con alcuna scena finale.

9

Meraviglioso

Laureata in Lingua Inglese e Giapponese!📚 Con grande passione per gli anime e i manga! Se fate i cattivi, vi punirà in nome della Luna! 🌙
Average User Rating
0
0 votes
Rate
Submit
Your Rating
0