[RECENSIONE] God Eater 3

Follow
7

Buono

Gli appassionati di caccia ai mostri sono stati accontentati negli ultimi anni da una serie di titoli che hanno permesso loro di incontrarsi con alcuni amici e godersi il massacro di alcune gigantesche creature. Il gioco che si trova in cima a questa pila è ovviamente Monster Hunter: World . Ma il terzo gioco della serie God Eater è arrivato con la speranza di prendere un pò di utenza dal suo popolarità.

Come nei precedenti giochi, sei scelto come un adattamento al God Eater – o AGE- ma nel tempo trascorso da God Eater 2 queste truppe speciali hanno ricevuto più esperimenti per renderli ancora più potenti di prima. Inoltre, sono diventati più simili delle merci per lo stato. Le cose migliorano per te, se non per l’umanità, e presto stai portando il tuo protagonista senza voce nel deserto per combattere Aragami.

Gli Aragami sono creature mutanti generate dalle condizioni apocalittiche che ora vagano sulla Terra, e mentre tu le hai combattute nei precedenti due giochi questa terza uscita li implementa nuovamente introducendo Aragami ancora più potente. A questo punto, dovrebbe essere chiaro che God Eater 3 non sta cercando di reinventare la serie ma continua lo stile del sequel.

In un mondo in cui Monster Hunter: World non esisteva ci sono tutte le possibilità che sarebbero stato più che sufficienti, ma per coloro che sono alla ricerca di una vera caccia ai mostri la differenza tra i due giochi non è tanto una lacuna ora quanto una voragine aperta . Tuttavia, invece di concentrarsi su ciò che God Eater 3 non è, parliamo di cosa sia.

god eater 3 gameplay

Crei il tuo personaggio – ha meno opzioni rispetto al gioco precedente – accompagnato da tre compagni di Intelligenza Artificiale che combattono contro quegli Aragami letali e sempre più grandi. Proprio come con Monster Hunter puoi andare online e affrontarli con un gruppo di amici, il che è divertente, ma combattere con il computer che ti sostiene durante la campagna è molto meglio.

Il combattimento è veloce, frenetico e spesso leggero, ma nel pieno della battaglia ti abini in un grande ritmo di mischia, attacco a distanza, evasione e consumo. “Che cos’è il consumo?” Potreste chiedere. Come God Eater, maneggi un’arma chiamata Arco di Dio che è capace di trasformarsi in un’entità demoniaca simile allo squalo e divora gli elementi dai tuoi nemici, rendendoti più potente in battaglia e raccogliendo parti dai caduti con i quali puoi creare nuove armi.

C’è molto da fare durante il combattimento oltre la semplice oscillazione dell’oggetto più acuto che hai a portata di mano. Ci sono otto tipi di armi da mischia tra cui scegliere, e quattro a distanza, ma una delle grandi cose che God Eater fa ti dà accesso costante a uno di ogni tipo, con il tuo “Arco di Dio” in grado di trasformarsi.

I giocatori di ritorno apprezzeranno l’aggiunta della veloce classe di mischia, che passa da lame doppie a bastone letale, e la lama di Heavy Moon molto descrittiva. Ci sono tonnellate di componenti di crafting da scoprire sul campo e sulla macellazione degli Aragami, che puoi utilizzare per aggiornare le tue armi o per crearne di nuove

God Eater 3 Aragami

Il combattimento diventa interessante quando prendi in considerazione le abilità del tuo AGE. Quando il tuo personaggio divora le cellule da un Aragami, è in grado di usarle per entrare in uno stato più potente e sbloccare una serie extra di attacchi, i quali possono essere cambiati nel tuo loadout ampiamente personalizzabile.

Inoltre ogni personaggio ha un’abilità Engage che si attiva quando due personaggi agiscono in sincronia sul campo di battaglia, oltre a un potenziamento che si attiva quando si incontra una certa quota di azioni come divorare un nemico cinque volte o proteggere con successo tre attacchi.

Alcuni fastidi fanno comunque ritorno dai giochi precedenti e il principale colpevole è costretto a parlare con un certo numero di personaggi alla base prima che la prossima missione venga sbloccata. Non vi è alcuna indicazione su quale dei vari livelli o stanze si possano trovare, quindi dovete vagare avanti e indietro solo per far avanzare la narrazione.

personaggi God Eater

God Eater 3 non vincerà nessun premio per il character design, anche se le cose sono migliorate un bel pò. Principalmente Hilda, il grande leader della tua famiglia God Eater, il cui design è ancora datato. È indubbiamente una proprietà giapponese, ma è stata mitigata da una prospettiva più mondana e moderna.

C’è meno dell’umorismo presente in God Eater 2, ma il mondo e la narrativa in corso del gioco ne hanno abbastanza per rimanere interessanti tra le battaglie iper-intense. Aggiungi una fotocamera leggermente ribelle e stai guardando un gioco God Eater che è timido e non riesce a far esplodere tutto il suo potenziale.

IN CONCLUSIONE

God Eater 3 cerca di essere il rivale del nuovo Monster Hunter World di Capcom, ma resta sufficiente su alcuni punti di forza dove dovrebbe eccellere.

God Eater 3 vanta fantastici combattimenti per la caccia ai mostri e le bellissime visuali, ma si blocca su troppi problemi presenti nei titoli precedenti.

Good

  • Combattimento veloce e avvincente
  • Vasta gamma di opzioni di personalizzazione
  • Mondo e narrativa interessanti

Bad

  • Le conversazioni forzate sono profondamente fastidiose
  • Manca un buon design dei personaggi
  • Ambienti di Battaglia semplici
7

Buono

Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.