Due nuovi personaggi per Black Ops Cold War

Blakc ops cold war

Treyarch, Raven Software e Activision hanno rivelato un nuovo rilascio di informazioni su Call of Duty : Black Ops Cold War che descrive in dettaglio due nuovi personaggi introdotti nella serie tramite il sequel di Black Ops : Russell Adler e Helen Park. Il primo è stato rivelato per la prima volta nel trailer di presentazione del gioco. Adler è descritto come un enigmatico agente della CIA, ed emana una serie di vibranti illusioni. Secondo Treyarch, Adler è chiamato solo per i compiti più difficili e anche i suoi più stretti collaboratori sanno molto poco di lui.

Adler

“Nato nel 1937, Adler è diventato un mistero anche per coloro che hanno lavorato al suo fianco per anni”, recita il blurb di Treyarch sul personaggio. “La sua storia prima di entrare a far parte della CIA nel 1966 è nota solo a pochi all’interno di Langley. Nel 1967, Adler fu assegnato all’unità MACV-SOG in Vietnam, indagando sulle attività sovietiche segrete. Dopo il Vietnam, Adler scomparve dai registri della CIA ma continuò ad esserlo. Affiliato a numerose operazioni clandestine. Possiede una fredda sicurezza che comanda la stanza. Raramente sorride, ma mantiene uno spirito pungente e asciutto. Capace di passare da un carisma disarmante a una brutalità priva di emozioni in un istante, Adler si diverte a intimidire chi gli sta intorno, ed eccelle in questo. La sua profonda conoscenza delle tattiche segrete, fluente in russo e tedesco, e la padronanza dello spionaggio lo rendono uno dei pochi agenti chiave su cui la CIA può fare costantemente affidamento. Nel gennaio del 1981, Adler si propone di mettere insieme una squadra d’assalto segreta di volti nuovi e familiari per rintracciare una pista nella città di Amsterdam. Questi sono agenti collaudati di cui crede di potersi fidare per portare a termine il lavoro. Ma dove porta questo sentiero, solo il tempo lo dirà … “

Helen Park

Per quanto riguarda Helen Park, è una partner di Adler nel gioco, anche se la loro collaborazione non è sempre carina. Mentre entrambi si rispettano a vicenda, Park in particolare si arrabbia per come apparentemente prende decisioni affrettate, presumibilmente senza il suo consiglio.

“Helen Park è entrata a Oxford alla giovane età di 16 anni”, recita la descrizione di Park. “Mentre lavorava al suo dottorato in relazioni internazionali, suo fratello maggiore è stato gravemente ferito in un attentato con un’autobomba dell’IRA a Londra, che l’ha portata a lasciare immediatamente il programma. Ha iniziato a studiare le origini e le motivazioni delle organizzazioni para-militari internazionali, alla fine portandola a unirsi ai ranghi dell’MI6. Dopo diversi anni di incarichi internazionali, Park è stato posto in servizio di protezione per due scienziati britannici. Sotto la sorveglianza di Park, il team è stato impostato per recarsi in una località clandestina per collaborare con la CIA ufficialmente progetto sponsorizzato. Lì ha incontrato Adler, una figura chiave nel nuovo programma, e ha assunto personalmente un ruolo più ampio nel suo sviluppo. In seguito, si sarebbe unita ad Adler in una squadra operativa di neri ad hoc, utilizzando i frutti del loro lavoro insieme. Tuttavia, gli interessi dell’MI6 e della Corona vengono sempre al primo posto per Park, che i suoi nuovi partner lo sappiano o no. “

Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.