La violenza nei videogiochi smentita da un nuovo studio

violenza nei videogiochi

Dai politici ai capi di discussione sui media mainstream, per anni i videogiochi sono stati collegati a violenza con poche o nessuna prova. In realtà, per lo più solo le prove che concludono il contrario sono emerse nel corso degli anni, eppure è ancora un punto di discussione che si fa presente di tanto in tanto

Uno studio nuovo di zecca – scandalosamente – non ha trovato alcun collegamento tra i videogiochi e la violenza.

Un nuovo studio condotto dall’Oxford Internet Institute sostiene che non esiste alcun collegamento tra il tempo trascorso a giocare a videogiochi “violenti” e un aumento del comportamento aggressivo negli adolescenti.

Lo studio è stato pubblicato dalla Royal Society Open Science questa settimana ed è descritto dalla prestigiosa Università di Oxford come uno degli studi più definitivi sul tema fino ad oggi.

Secondo il ricercatore principale dello studio, Andrew Przybylski, “l’idea che i videogiochi violenti guidino l’aggressione del mondo reale è popolare, ma non è stata testata molto bene nel tempo”.

“Parte del problema nella ricerca tecnologica è che ci sono molti modi per analizzare gli stessi dati, che produrranno risultati diversi”, ha detto Przybylski spiegando alcuni dei problemi con altri studi precedenti.

“Un risultato raccolto con cura può aggiungere peso indebito al panico morale che circonda i videogiochi: l’approccio di studio registrato è una garanzia contro questo”.

La ricercatrice di Dr. Netta Weinstein della Cardiff University ha aggiunto:

“I nostri risultati suggeriscono che i pregiudizi dei ricercatori potrebbero aver influenzato studi precedenti su questo argomento e hanno distorto la nostra comprensione degli effetti dei videogiochi”.

Detto questo, mentre l’Oxford Internet Institute non ha trovato legami tra videogiochi violenti e comportamenti violenti, ha notato che i giochi possono provocare sentimenti e / o reazioni rabbiose, cosa che conosciamo da molto tempo: si chiama collera di smettere di fumare ed è comune quando si gioca.

“Aneddoticamente, si vedono cose come la trash-talking, la competitività ed il Trolling nelle comunità di giochi che potrebbero essere considerate un comportamento antisociale”, ha affermato Przybylski.

Naturalmente, è importante notare che lo studio non è giunto al punto finale su questo argomento. In particolare, includeva solo un campione rappresentativo di 2.009 adolescenti britannici. Ma è un’altra tacca per la difesa dei videogiochi violenti, che continueranno ad essere attaccati.

Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.