The Last Scout - L'ultima missione ~ NerdLog

The Last Scout – L’ultima missione

The Last Scout – L’ultima missione

Per milioni di anni il pianeta Terra ha ospitato milioni di creature meravigliose, incluso l’uomo. E cosa potrebbe succedere se questo paradiso nel mezzo dell’Universo venisse distrutto dalla razza umana? Scopritelo con The Last Scout!

Anno 2065: la Terra è ormai distrutta dalle guerre, i sopravvissuti dell’umanità inviano flotte di navi fino ai confini della galassia nella speranza di trovare un nuovo mondo. Dopo sette anni di viaggio e da tempo senza possibilità di comunicare, l’equipaggio della Pegasus si sta avvicinando alla sua destinazione quando incontra una nave abbandonata. Così vicini a completare la loro missione e con la sanità mentale sull’orlo del baratro, ben presto i membri dell’equipaggio si renderanno conto di non essere soli e dovranno combattere per la sopravvivenza della razza umana…



Tutta colpa della guerra?

La sopravvivenza è incisa nel DNA di ogni essere vivente, al fine di resistere ed evolversi ad ogni costo.

Tra tutte le specie presenti sul pianeta, l’uomo è l’unico che ha ottenuto un controllo quasi completo di ogni ecosistema, modellando gli ambienti per adattarli alle proprie esigenze. Unici padroni del mondo conosciuto e guidati dal desiderio di possedere sempre più ricchezze, gli esseri umani sono la causa del declino del pianeta. Il globo è stato distrutto nel 2065 in poco più di un’ora: la guerra nucleare è stata così veloce e violenta che le vittime non hanno avuto nemmeno il tempo di realizzare di essere entrati in un conflitto. Con la Terra distrutta e la popolazione decimata, l’unico modo per garantire la sopravvivenza della specie è la ricerca di un nuovo pianeta abitabile tra gli esopianeti scoperti.

A bordo della Pegasus

Il destino dell’umanità è affidato a delle navi ad antimateria studiate per i viaggi nel Sistema Solare, modificate per sopravvivere ai viaggi all’interno della Galassia. Ogni missione, nonostante la durata e i rischi, avvicina sempre di più i superstiti alla scoperta di una nuova casa per l’umanità, ma le delusioni sono dietro l’angolo: molti pianeti presenti nelle fasce abitabili sono ancora in fase di formazione!

Anche l’equipaggio della Pegasus partecipa alla ricerca e, dopo un viaggio durato sette anni, è sempre più vicino a quella che potrebbe essere la seconda Terra. Otto astronauti, con storie e capacità tra loro completamente differenti, vivono la quotidianità sulla nave spaziale, tra manutenzioni, ricerche, analisi e tante risate, in attesa di raggiungere le coordinate stabilite e verificare l’abitabilità dell’esopianeta.

Bimbo a bordo!

L’intero equipaggio è composto da un gruppo scelto di sopravvissuti e, tra loro, vi è una bambina che era nata da pochi giorni quando la Pegasus è partita per la propria missione. La piccola Layla, che ora ha sette anni, è stata affidata all’equipaggio dai genitori, poiché avrebbe avuto più speranze di sopravvivenza sul nuovo pianeta. La sua ingenuità e curiosità, caratteristiche dell’età, influiscono positivamente sul resto del team, rendendola a tutti gli effetti la mascotte del gruppo.


Attenzione, codice arancione!

Il clima sereno e conviviale che si respirava sulla Pegasus, che tranquillizza lo spettatore, in grado di rivedersi in quelle situazioni amichevoli (cene insieme, scherzi, torte di compleanno e film horror), viene spezzato dal codice arancione: un’altra nave è presente nel sistema!

Desiderosi di interagire con l’altra nave e di comprendere il mistero che si cela dietro questa comparsa, l’equipaggio inizierà una serie di indagini che lo condurrà a combattere per la sopravvivenza della specie, cadendo in un baratro di disperazione sempre più profondo.

Una storia accattivante

The last scout porta lo spettatore a vivere una delle esperienze più famose dei film di fantascienza: i viaggi nello spazio. E la descrizione del viaggio è resa verosimile dalla assenza di fenomeni eclatanti: non vi sono tempeste solari, percorsi in prossimità di buchi neri o collisioni pericolose con asteroidi, ma la missione prosegue lungo traiettorie tranquille e programmate ( esattamente come un viaggio spaziale vero e proprio). Anche la vita dell’equipaggio prosegue normalmente, tra lezioni di storia per la piccola Layla, proiezioni di film horror e confidenze.



La vita apparentemente noiosa e tranquilla della Pegasus sarà stravolta dalla scoperta di una nuova navicella e trasporterà il pubblico in un crescendo di suspense e di misteri che lo farà ricredere sulla natura umana. Riusciranno a trovare un pianeta abitabile sul quale stabilirsi?

Effetti speciali apprezzabili

The last scout è un film del 2012…e si vede! Il primo dettaglio che emerge è il distacco tra l’interno della nave, che è molto realistico, e l’esterno, palesemente fittizio. Sebbene non sia confrontabile con una pellicola di ultima generazione, gli effetti speciali sono ugualmente piacevoli.

 

 

Present Physicist, Future Nobel Prize. Nerd. Hopeless Fangirl. Gamer. Unapologetically Shipper. Booklover and Proud. Trying to construct my own T.A.R.D.I.S. and travel with the Doctor.
error: Contenuto protetto