Sekiro: come la Rinascita e Dragonrot influenzano il gameplay

Dragonrot

Per i fan dei giochi Bloodborne e Dark Souls di From Software , la morte è una vecchia amica. Lo sviluppatore realizza i suoi titoli Soulsborne in modo che la morte attraversi molti dei meccanismi e delle caratteristiche. Il nuovo gioco di From Software, Sekiro: Shadows Die Twice , non è diverso. Nella seguente guida, esamineremo tutti i modi in cui la morte influisce sul tuo viaggio. Sia che tu voglia sapere quando è il momento migliore per utilizzare la meccanica di resuscitamento o come affrontare gli effetti di Dragonrot, leggi più avanti per saperne di più.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK E INSTAGRAM

Sekiro è disponibile su Xbox One, PS4 e PC. Sekiro sposail gameplay esclusivo di From Software con azioni stealth per offrire un’esperienza tanto stimolante quanto gratificante.

Confronto con Dark Souls e Bloodborne

Prima di tutto, devi trattare la morte in Sekiro in modo diverso rispetto a quello che potresti avere sperimentato giocando a Darks Souls o Bloodborne. Quando si tratta di morte, l’unica somiglianza che Sekiro condivide con i precedenti titoli di From Software è che il suo mondo è pieno di innumerevoli modi per uccidere il tuo personaggio.

Alla morte, il tuo personaggio, Wolf, perde parte della sua esperienza e metà della valuta di gioco in suo possesso. Il primo è utilizzato per aggiornare le abilità di Wolf e sbloccare nuove mosse, mentre il secondo consente di acquistare oggetti. Non puoi recuperare ciò che hai perso dopo la morte, quindi è nel tuo migliore interesse fuggire da lotte che pensi di non poter vincere. Per contrastare questo, Wolf ha la possibilità di ricevere un Sognetto Invisibile- fornendo la possibilità di mantenere la tua esperienza e le monete alla morte. Puoi vedere la tua probabilità di ricevere un Sostegno Invisibile – che diminuirà se Dragonrot ha iniziato a diffondersi – fermando il gioco o riposando.

Dragonrot – Che cosa fa e come curarlo

Parlando di Dragonrot, questa malattia mortale è anche strettamente legata alla morte in Sekiro. Praticamente chiunque incontri e interagisca con Wolf ha il potenziale per contrattaccare Dragonrot, che causa loro violenti attacchi di tosse. Il gioco ti informerà ogni volta che qualcuno contrae la malattia.

Tuttavia, se il Wolf cade in battaglia molte volte – il che è molto più probabile in quanto Sekiro è un gioco molto difficile- Alla fine tutti quelli che conosce inizieranno a tossire. Con ogni personaggio che contrae Dragonrot, la possibilità di Wolf di ricevere un Sostegno Invisibile diminuisce. Non è tutto, però. Non sarai in grado di completare le questline per i personaggi che hanno contratto la malattia, dal momento che i loro attacchi di tosse non consentono loro di rispondere adeguatamente a te quando cerchi di parlare con loro. Alcune di queste questline sbloccano nuove abilità e aggiornamenti protesici che aiutano i miniboss e i boss nella storia principale, quindi farle è nel vostro interesse.

Per fortuna, Dragonrot non è fatale, e c’è una cura. Quindi non dovresti perdere nessuna delle rispettive missioni secondarie.

Per scoprire prima la cura, avrai bisogno che lo Scultore si ammali al Dragonrot. Saprai quando succede perché otterrai un filmato che mette in evidenza quanto stia diventando malato. Vai fuori e parla con Emma e ti darà una ricerca per una cura. Hai solo bisogno di portarle il sangue di qualcun altro che ha Dragonrot. Quando ricevi la notifica che qualcun altro è malato, vai a parlare con loro. Tireranno fuori un pò di sangue che puoi portare a Emma. Lei userà il sangue per sintetizzare una cura, chiamata Lacrima di drago. Usando la lacrima, cura chiunque sia afflitto dal Dragonrot. Tuttavia, se muori abbastanza volte, la malattia inizierà a diffondersi ancora una volta. Avrai bisogno di comprare più Lacrime di Drago da mercanti specifici per curare di nuovo la malattia.
Per quanto ne sappiamo, non c’è una quantità infinita da acquistare, quindi acquista quelle lacrime quando ne hai davvero bisogno.

In Sekiro, puoi morire tre volte

Nonostante il titolo di Sekiro, in realtà puoi morire fino a tre volte. Nell’angolo in basso a sinistra dello schermo, noterai due sfere rosse . Rappresentano quante volte puoi far rivivere. Il primo globo viene riempito riposando e il secondo viene riempito uccidendo i nemici con colpi mortali.

Quando morirai, avrai la possibilità di accettare la morte o di rianimarti. Scegliendo di rianimare usi il tuo primo globo e metti uno striscia nera nel secondo. Avrai bisogno di effettuare un colpo mortale per rimuovere la macchia. Questo ti permette di rinascere una seconda volta dopo essere di nuovo morto.

Ricorda, il tuo secondo globo viene riempito effettuando i colpi mortali sui nemici. Quindi se usi la tua seconda sfera durante un combattimento con il boss e poi muori una terza volta, dovrai andare fuori a cercare nemici per recuperare un secondo risveglio per combattere nuovamente contro il boss. Se non pensi di avere gli aggiornamenti necessari per battere il boss che stai combattendo, potresti semplicemente lasciare che Wolf muoia e salvare il tuo secondo risveglio contro il boss.

Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.