[NEWS] Crackdown 3 ha bisogna ancora di molto lavoro ~ NerdLog

[NEWS] Crackdown 3 ha bisogna ancora di molto lavoro

[NEWS] Crackdown 3 ha bisogna ancora di molto lavoro

Crackdown 3 è stato originariamente impostato per il lancio nel 2016. È stato successivamente posticipato al 2017 e poi di nuovo al 2018 ; è stato rinviato per la terza volta alla sua attuale data di rilascio nel febbraio 2019. Microsoft ha mostrato un nuovo trailer di Terry Crews all’E3 2018, ma da allora la compagnia non ne ha parlato molto.

Il boss di Xbox, Phil Spencer, ha dichiarato su Twitter di aver recentemente giocato una versione “completa” del gioco. Mentre sembrerebbe che si stiano avvicinando all’uscita, Spencer ha detto che ha ancora bisogno di “più lavoro”. Per quanto riguarda il lato positivo, Spencer – che è nel business della vendita di giochi – ha detto che crede che Crackdown 3 riesca a realizzare la fantasia di essere una “macchina da demolizione”. Questo è probabilmente un riferimento ai sistemi di distruzione pesantemente propagandati del gioco.

Crackdown 3 è stato a un certo punto in fase di sviluppo presso tre diversi studi: Raegent Games, Sumo Digital e Cloudgine. Tuttavia, per vari motivi, ora solo Sumo sta lavorando al gioco.

Cloudgine è stata fondata dal creatore di Crackdown, David Jones, che stava anche lavorando su Crackdown 3 fino a quando lo studio Epic di Fortnite ha acquisito Cloudgine. Jones ora lavora in Epic come direttore di eSports e tecnologia cloud. Cloudgine ha creato un sistema di cloud proprietario che si dice abbia contribuito in modo significativo al sistema di distruzione di Crackdown 3.

Il dirigente di Microsoft Matt Booty ha fortemente suggerito che Crackdown 3 non utilizzerà più la tecnologia Cloudgine, presumibilmente dovuta in parte all’acquisizione di Cloudgine da parte di Epic. Richiesto direttamente da Polygon se Crackdown 3 utilizzerà la tecnologia Cloudgine o i sistemi cloud Microsoft per Crackdown 3, Booty ha evitato la domanda. “Sai, non ho intenzione di entrare nel vero sistema tecnico”, ha detto. “Diciamo solo che abbiamo accesso a una grande infrastruttura, e il gioco ha una grande tecnologia, e metteremole due cose insieme in modo tale che abbiano più senso”.

Gli elementi di distruzione di Crackdown 3 sono stati a un certo punto pubblicizzati come le caratteristiche salienti del gioco. Jones, che di nuovo non lavora più su Crackdown 3, ha detto poco fa che pensava che l’esperienza multigiocatore del gioco è “ridefinire ciò che si prova a giocare”.

Per quanto riguarda Raegent Games, lo status dello studio è in questione. Lo studio non ha twittato da gennaio 2017 e il suo sito web sembra essere offline . Ciò che è chiaro è che lo studio non sta più lavorando su Crackdown 3, dato che Booty lo ha confermato a giugno .

Crackdown 3 è programmato per il lancio nel mese di febbraio 2019 per Xbox One e PC, e gli abbonati Xbox Game Pass potranno giocare senza alcun costo aggiuntivo. 

Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.
error: Contenuto protetto