Configurazione PC fascia media – Febbraio 2019

configurazioni pc fascia media

In questa rubrica mensile verranno proposte delle configurazioni PC di cui saranno fornite caratteristiche e specifiche dei vari componenti. Per il mese di febbraio abbiamo scelto una configurazione di fascia media utile a maxare la maggior parte dei giochi nella risoluzione FullHD contenendo il più possibile i prezzi.

Per questa configurazione abbiamo scelto un’ APU della fortunata serie Zen di AMD: l’Athlon 200GE.

Ovviamente si tratta di un processore di fascia bassa, scelto principalmente per il suo prezzo contenuto e per la presenza di una scheda video integrata Vega 3 che può sempre risultare utile soprattutto perché nella risoluzione HD vi permette di giocare a qualche titolo del calibro di Fortnite, Minecraft, League of Legend, Pubg, etc…

PER UNA CONFIGURAZIONE PERSONALIZZATA CONTATTACI SU FACEBOOK

Se si vuole spendere un po’ di più, la scelta ricade sul Ryzen 3 2200G o sul Ryzen 5 1400, quest’ultimo senza dubbio il più performante se bene a discapito di una scheda video integrata.

Per la scheda madre la scelta non può che ricadere sulla Asrock A320M che, con chpiset AM4, presenta l’indispensabile per assemblare una buona configurazione senza farsi mancare nulla: formato Micro ATX, un alloggio per un hard disk m2, 6 porte USB di cui 4 3.0, doppio alloggio per le Ram (Dual Channel)  con una capacità massima di 32Gb.

Per una scheda madre a basso costo non si potrebbe chiedere di più. Per la Ram abbiamo preferito un solo banco da 8Gb alla frequenza di 2666mhz piuttosto che un doppio banco (4+4) che avrebbe sicuramente aiutato grazie alla tecnologia dual channel, ma che avrebbe reso più dispendioso un upgrade futuro.

Infatti,  implementando un solo banco da 8Gb è possibile portare facilmente la configurazione a 16gb di ram (8+8) e sfruttare ugualmente la tecnologia dual channel. Per quanto riguarda l’hard disk è preferibile uno meccanico da 1Tb o un SSD da 240Gb ben più veloce di un normale hard disk meccanico.

La nostra scelta è ricaduta sull’SSD perché, a nostro avviso, praticamente indispensabile nelle configurazioni moderne dato che permette di velocizzare di molto il sistema operativo, nonché le varie operazioni e caricamenti.

L’SSD, inoltre, può essere implementato da un hard disk da 1/2/3Tb così da poter archiviare tutto quello che riteniamo più utile. Anche in questo caso lasciamo a voi la scelta.

Per quanto riguarda la scheda video c’è l’imbarazzo della scelta, sia AMD che Nvidia, infatti, hanno ottime alternative, in questo caso la nostra preferenza è ricaduta sulla casa rossa e sull’ottima Sapphire Radeon RX 570 Pulse da 4Gb che ha risposto ottimamente a tutti i test mantenendo e superando i 60fps con ottime temperature in giochi come Fortnite, Minecraft, League of Legend, Pubg e con qualche leggero compromesso anche in giochi più pesanti del calibro di Shadow of the Tomb Raider e del recentissimo Resident Evil 2 Remake. Pieni voti per una scheda dal prezzo contenuto.

Per alimentare questa configurazione abbiamo scelto un alimentatore non troppo noto, ma che, senza dubbio, non può essere definito una “cinesata”: parliamo del Thermaltake Tr2 da 430W. Certificato 80 plus bronze con i suoi 430W sostiene perfettamente l’intera configurazione ed il suo buon numero di cavi telati permette l’aggiunta di diverse unità (hard disk, SSD, masterizzatori).

Per contenere il tutto abbiamo scelto un Case Sharkoon nello specifico lo Sharkoon VG5-W. Anche qui il mercato presenta una vasta scelta, tra i vari Cooler Master, Corsair, Nzxt, ma noi abbiamo scelto lo Sharkoon sia per l’estetica accattivante, sia per l’ottima implementazione di 3 ventole già presenti al suo interno da 120mm nella loro colorazione blu che rendono il tutto più da “gaming”. Il computer che proponiamo, concludendo, si presta facilmente a tutti gli utilizzi e raggiunge le sue migliori performance in game nella risoluzione FullHd.

Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.