In origine Anthem è stato pensato come Free-To-Play

Anthem Free to Play

Al momento, molti fan di BioWare si tuffano nelle profondità della demo ora disponibile per i giocatori e, anche se manca meno di un mese prima della versione completa, sono sorte alcune informazioni interessanti sul nuovo IP.

I giochi free-to-play non sono inauditi e questa mossa si è dimostrata altamente redditizia, come si è visto con il selvaggio successo di Fortnite. Anche Anthem fu pensato in origine come gioco F2P.

“Abbiamo discusso su un modello free-to-play all’inizio”, ha detto il regista Jonathan Warner durante l’intervista. “Non era solo la direzione in cui si muoveva la società: BioWare o EA”.

“Se scegli la strada per il free-to-play, devi comunque avere un business redditizio o non possiamo continuare a dare un servizio meritevole per tutti i nostri giocatori”, ha aggiunto Ben Irving, Lead Producer. “Penso che nello spazio di giochi tripla A, le persone siano più a loro agio nel pagare la quota di iscrizione e poi avere un modello generoso per i giocatori senza DLC a pagamento, e articoli di vanità opzionali che puoi ottenere grazie alla valuta del gioco. “

Anche se al momento il gioco ha microtransazioni, sono tutte solo di tipo cosmetico e in realtà non influenzano molto il gioco a meno che tu non stia morendo dalla voglia di avere un emblema predefinito. Gli aggiornamenti per le attrezzature possono essere guadagnati organicamente e gli attrezzi possono essere realizzati in molti modi.

Per quanto riguarda il gioco stesso, Anthem debutta su Xbox One, PlayStation 4 e PC il 22 febbraio. Al momento è disponibile la demo aperta!

loading...
Amante dei videogiochi, studente universitario con indirizzo informatica.