Menu

[RECENSIONE] Steins;Gate

Steins; Gate

Steins; Gate
9.1

Trama

9.5 /10

Caratterizzazione dei personaggi

9.5 /10

Ost

9.0 /10

Animazione

8.5 /10

Pro

  • Trama eccezionale
  • Musiche all'altezza
  • Personaggi unici e caratterizzati
  • Disegni puliti e molto belli
  • Leggi fisiche realmente esistenti rendono il tutto più verosimile

Contro

  • Trama inizialmente poco coinvolgente

Steins;Gate è un’anime sci-fi del 2011 prodotto dalla White Fox, anche se è nato dall’omonima visual novel sviluppata dallo studio 5pb. L’opera si compone di 24 episodi dalla durata di circa 24 minuti ciascuno, un OVA ed un film.

I diritti sono stati acquistati in Europa da Crunchyroll, in italia invece i diritti appartengono alla Dynit, è stato trasmesso su Rai 4 e ora è visionabile sia su VVVVID sia su Netflix. Inoltre manca poco all’uscita della seconda serie, intitolata Steins;Gate 0 dalla durata di 23 episodi, che ci accompagnerà per tutto il periodo primaverile ed estivo, serie molto attesa da tantissimi fan.

TRAMA.

Okabe, scienziato pazzo e fondatore del “laboratorio di gadget futuristici”, insieme agli altri membri del laboratorio, Mayuri e Daru, durante una semplice giornata di esperimenti, riescono ad ottenere un risultato strabiliante, riescono a creare un microonde che è in grado di inviare messaggi nel passato, anche se ciò li porterà ad un’avventura folle piena di colpi di scena e risvolti inaspettati.




PERSONAGGI.

  • Rintaro Okabe, conosciuto col nome di Okarin. E’ il protagonista della serie, un personaggio pragmatico, apparentemente senza cuore e distaccato, ma in realtà molto apprensivo. Con la nuova invenzione risulta però essere l’unico a ricordare i cambiamenti che vengono apportati quando viene mandato un messaggio nel passato, e quindi quando viene alterata la realtà. Ciò lo porterà a compiere delle imprese folli pur di salvare tutti. Doppiato in giapponese da Miamoru Miyano, in italiano da David Chevalier.
  • Kurisu Makise, presentata come una ragazza geniale, si unirà al gruppo di Okabe, inizialmente solo per la curiosità nei confronti del microonde, ma in seguitò stringerà un forte legame con il
    gruppo. Doppiata in giapponese da Asami Imai e in italiano da Rachele Paolelli.
  • Mayuri Shiina, amica d’infanzia di Okabe. E’ stata la prima ad unirsi al gruppo, nonostante non spicchi per intelligenza, decide di rimanere anche a causa del legame che ha stretto con tutti. Doppiata in giapponese da Kana Hanazawa e in italiano da Eva Padoan. 
  • Itaru Hashida, Conosciuto col nome Daru. E’ un ottimo hacker e anche migliore amico di Okabe dai tempi del liceo. Sarà proprio lui ad occuparsi della progettazione e dello sviluppo del microonde e non solo. Doppiato in giapponese da Tomokazu Seki e in italiano da Paolo Vivio.

PERCHE’ GUARDARLO…

Steins;Gate è un anime che mi ha letteralmente lasciato senza parole, l’unica pecca è che, essendo una trama molto complessa, inizialmente l’opera fatica a catturare l’attenzione dello spettatore, ma eccetto questo lo considero quasi perfetto, sotto tutti i punti di vista.

I personaggi sono molti, ma tutti quanti sono ben caratterizzati, nessuno è privo di background, ognuno possiede un comportamento diverso dall’altro. La psicologia e il comportamento di ognuno non solo è diverso, ma è anche giustificato dalla storia del suddetto personaggio, senza contare che la maggior parte delle storie secondarie narrate sono toccanti, portandoci anche a riflettere e farci commuovere.

L’anime parla di viaggi nel tempo, ma ovviamente il tutto è regolato da leggi fisiche e matematiche realmente esistenti, è ottimo anche perché rende la storia più verosimile possibile, e inoltre è una vera chicca per gli appassionati della fisica.


Le musiche non possono essere da meno, data la loro bellezza riescono a dare un’immersione degna di nota, ovviamente non si sta parlando solo dell’opening “Hacking to the Gate” di Chiyomaru Shikura, comunque molto bella, ma dell’OST in generale, il tema di ogni personaggio, anche se quella che mi ha colpito maggiormente è “Gate of Steiner” di Takeshi Abo, che considero la migliore dell’opera.

Nonostante l’anime sia del 2011 i disegni sono comunque ottimi, molto semplici e puliti, l’unica pecca è che tendono a perdere qualità quando vengono rappresentati dei soggetti in lontananza.

Il punto forte dell’opera è la trama che, a prescindere dai gusti, riesce a prendere tutti quanti, anche se inizialmente risulta essere un po’ lenta, in seguito diventa coinvolgente e piena di colpi di scena e scene comiche che catturano l’attenzione. Una menzione speciale va al finale che, senza fare spoiler, lo considero degno della serie e allo stesso tempo geniale.

In conclusione reputo Steins;Gate un must per tutti gli appassionati di anime e anche per chi vuole avvicinarsi per la prima volta a questo mondo.

Commenti

Commenti

Semplice liceale con la passione per gli anime e i videogiochi 🎮

SEGUICI SU FACEBOOK